“Nuoto pensando allo squalo che mi staccò la gamba”, la storia dell’atleta eroe Achtmat Hassiem.

L’episodio che cambiò la vita del nuotatore paraolimpico Achmat Hassiem (Sud Africa) avvenne nel 2006, quando, durante un allenamento per diventare bagnini, al largo della costa, Hassiem salvò suo fratello da uno squalo.

Taariq e lui stavano nuotando quando Hassiem si accorse del predatore e chiese aiuto ai compagni in barca. Rimase in acqua cercando di attirare verso di sé l’animale, muovendosi e schiaffeggiando la supercificie, mentre gli altri tiravano in barca il fratello minore. Lo squalo lo attaccò, gli morse una gamba e lo trascinò per 50 metri. Sopravvisse, ma perse l’arto.

“Quello squalo ha cambiato la mia vita per una ragione – ha detto – e ho avuto modo di sfruttare al meglio tutte le mie opportunità ora”. Hassiem gareggerà nei 100 e 400 stile libero, dopo aver conquistato un bronzo nei 100 farfalla.

“Nuoto pensando allo squalo che mi staccò la gamba” ha detto l’atleta eroe.

Vittorio Nigrelli

Annunci

Olimpiadi: risultati staffetta femminile e 200 rana.

Londra, 1′ Agosto 2012. Si è chiusa la staffetta femminile dei 4×200 dove le italiane non sono riuscite a brillare come ci sarebbe piaciuto. Federica Pellegrini, Alice Mizzau, Alice Nesti e Diletta Carli non hanno potuto fare contro i 7’42″92 delle americane, che hanno conquistato l’oro, davanti ad Australia e Francia.

Dai 200 rana, sempre femminili, invece, giunge la notizia di un nuovo record del mondo. Rebecca Soni, infatti, ha chiuso in testa la gara con 2’20” netti, spazzando il record precedente di 2’20″12 che era stato stabilito dalla canadese Annamay Pierse.

Veronica Sgobio
20120802-102618.jpg

Wikipedia si ribella alla Pellegrini.

Web, 1° Agosto 2012. Il quinto posto di ieri nei 200 stile libero di Federica Pellegrini non è piaciuto molto, soprattutto dopo la decisione di non portare la bandiera per dare il meglio di sé in gara.
Tante sono state le critiche che le sono state rivolte  per il deludente risultato e pesanti sono stati gli insulti lasciati sulla pagina dedicatale dall’enciclopedia libera Wikipedia.

Un utente, infatti, questa mattina ha modificato la pagina della Pellegrini il cui ritiro viene spiegato con un poco diplomatico “ha fatto schifo al c****”. Il messaggio è stato prontamente eliminato e l’utente è stato censurato da Wikipedia oltre che essere stato sospeso per un giorno.

pellegrini_wikipedia.jpg
(Ecco come si presentava stamattina la biografia di Federica Pellegrini su Wikipedia).
Veronica Sgobio

Ecco la classifica degli atleti con più medaglie di sempre. (foto)

Phelps in questi giorni sta scrivendo un pezzo di storia delle Olimpiadi, con le sue 19 medaglie. Ma chi sono gli altri campionissimi?

Ecco la classifica, in cui spunta il nome di un italiano, Edoardo Mangiarotti, infallibile schermidore divenuto immortale il 25 maggio scorso, giorno della sua scomparsa. 

1. Micheal Phelps, nuoto, Stati Uniti, 19 medaglie (15 medaglie d’oro)


2. Larissa Latynina, ginnastica, Unione Sovietica, 18 medaglie (9 medaglie d’oro)


3. Nikolai Andrianov, ginnastica, Unione Sovietica, 15 medaglie (7 medaglie d’oro)


4. Boris Shakhlin, ginnastica, Unione Sovietica, 13 medaglie (7 medaglie d’oro)


5. Edoardo Mangiarotti, scherma, Italia, 13 medaglie (6 medaglie d’oro)

6. Paavo Nurmi, atletica, Finlandia, 12 medaglie (9 medaglie d’oro)


7. Sawao Kato, ginnastica, Giappone; Jenny Thompson, nuoto, Stati Uniti; Birgit Fischer, canoa, Germania, 12 medaglie (8 medaglie d’oro)


8. Mark Spitz, nuoto, Stati Uniti, 11 medaglie (9 medaglie d’oro)


9. Matt Biondi, nuoto, Stati Uniti, 11 medaglie (8 medaglie d’oro)



Vittorio Nigrelli

Olimpiadi: in questa disciplina l’atleta arrivato ultimo è stato il più acclamato.

Hamadou Dijbo Issaka, 35 anni, nigeriano, dopo soli 3 mesi di preparazione si è presentato alle Olimpiadi per la disciplina “canottaggio singolo”.

Il risultato? Ultimo con un ritardo di 1 minuto e 39 secondi, accolto  con grandi ovazioni dal pubblico, commosso dalla sua perseveranza. Una bella rappresentazione del motto “l’importante è partecipare”.

canottaggio_nigeria1.JPG

Ecco il link del video: http://www.youtube.com/watch?v=-2eAYK1eRes

Vittorio Nigrelli