Cina: il Fiume Azzurro diventa rosso. (Foto)

Lo Yangtze, il fiume più lungo dell'Asia, chiamato anche Fiume Azzurro, si è presentato con le acque rosse. Sono in corso le indagini per capire cosa è successo.

9 settembre, Cina. Lo Yangtze, il Fiume Azzurro, il corso d’acqua più lungo dell’Asia, oggi ha cambiato colore; inspiegabilmente. Presso la città portuale principale Chóngqìng il fiume ha preso una colorazione decisamente inquietante tendente allo scarlatto.

fiume-rosso-3.jpeg

 

Alcuni cittadini hanno raccolto l’acqua in bottiglie come ricordo, mentre le autorità si affannano per trovare una spiegazione (o una scusa) per il biblico avvenimento. Nella zona le rive ospitano cantieri e i bacini di scarico della città. Inquinamento, trovata propagandistica del partito comunista o segno divino?

Probabilmente si noterà una massiccia immigrazione di avvocati nei prossimi giorni, perché se le industrie c’entrano qualcosa ne avranno bisogno a sciami.

Aspettando una spiegazione decente consigliamo ai primogeniti una scaramantica toccatina. Appena accertata l’inesistenza di un novello Mosè e l’esistenza di una causa plausibile vi aggiorneremo sulla vicenda.

Vittorio Nigrelli

“Cosa faresti per me?” “Per te pianterei 6000 querce”. Ecco la storia.

16 luglio. L’uomo protagonista della vicenda si chiama Winston Howes, un agricoltore di Wickwa, nel South Gloucestershire, in Inghilterra. 17 anni fa perse la moglie Janet, scomparsa prematuramente.

Per ricordare la donna con cui aveva passato insieme più di un trentennio, Howes decise di piantare circa 6000 querce, per creare una radura a forma di cuore. 

Ecco il risultato. Complimenti Mister Howes.

 Un cuore gigante formato da 6000 querce che Winston Howes ha piantato per ricordare la moglie Janet

Vittorio Nigrelli

Un giorno avremo tetti fatti di pannolini. Perché?

6 luglio, Scozia. Da un paio di settimane in quattro aree urbane scozzesi è possibile trovare dei cassonetti molto particolari. Queste zone fanno parte di un progetto pilota avviato dalla Zero Waste Scotland, che ha deciso di riciclare questi rifiuti facendone tegole, panchine, mobili, cartoni, scivoli!

Mamme! Non preoccupatevi più della domanda “umido o indifferenziato?” ma aspettate speranzose che l’idea arrivi anche in Italia.

Anche da un punto di vista ecologico, perché il pannolino resiste parecchio nelle discariche, tra i 200 e i 500 anni. E un bambino consuma, in media 4500 pannolini (ma si arriva anche a oltre 6000). In Italia in particolare sembra che i pannolini monouso costituiscano il 20% dei rifiuti nelle discariche.

Vittorio Nigrelli

Si ritorna a parlare di nucleare

31 maggio, Tokyo. Il premier giapponese Yoshihiko Noda darà a breve l’ordine di riaccendere 2 dei 50 reattori giapponesi. La decisione è stata presa dopo il via libera del sindaco di Osaka, Toru Hashimoto. I reattori erano stati tutti progressivamente spenti dopo il cataclisma che aveva colpito il Giappone e terrorizzato tutto l’Estremo Oriente per i possibili effetti della situazione critica alla centrale di Fukushima. Un “nuovo corso” che certo susciterà polemiche, deciso a causa della debolezza giapponese sul piano energetico.

Vittorio Nigrelli