La Cina ha conquistato territori filippini, indiani e vietnamiti con una matita.

Conquistare un territorio con la matita. Altro che cyberwar, sistemi di “protezione” missilistica e bombe a grappolo.

Cosa c’è di più semplice del prendere una cartina e spostare il confine un po’ più in là?

E’ quello che ha fatto il governo cinese con i nuovi passaporti, che nella cartina geografica posta all’interno del documento mostrano la “Repubblica” un po’ più grande del solito. Di fatto include diversi territori contesi con tre vicini: Filippine India e Vietnam.

Il Vietnam, che contende il controllo delle isole Paracel e Spratly (queste ultime occupate militarmente da Filippine, Vietnam e Cina) ha deciso di non timbrare i passaporti cinesi, ma fornire un visto a parte. “I visitatori cinesi potranno superare comunque il confine”, ha affermato un funzionario del principale aeroporto vietnamita.

L’India ha protestato per l’inclusione dei territori del Arunachal Pradesh (indiano conteso dalla Cina) e Aksai Chin (cinese conteso dall’India). In risposta ha cominciato a stampare propri passaporti allargando i confini.

Le Filippine rivendicano parte delle Spratly e si lamentano per la linea marittima che include parte delle acque internazionali.

I territori contesi sono, come potete ben immaginare, pieni di risorse; speriamo che gli atti di conquista continuino a limitarsi all’emissione di nuove cartine.

Vittorio Nigrelli

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...